Content

Cosa facciamo

Nonostante sia un diritto umano, l’accesso universale all’acqua potabile non è ancora garantito a tutti.

Grazie alla realizzazione degli Obiettivi di sviluppo del Millennio delle Nazioni Unite, dal 1990 circa 2,3 miliardi di persone hanno ottenuto accesso sicuro all’acqua potabile. Nonostante questo grande miglioramento, ci sono ancora più di 660 milioni di persone che vivono senz’acqua o con acqua contaminata. Nel 2015 le Nazioni Unite hanno lanciato l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile. Questo programma d’azione rivendica l’accesso per tutti all’acqua potabile e a servizi igienici nelle proprie case o nelle immediate vicinanze entro il 2030.

L’impegno finora apportato per migliorare l’accesso all’acqua potabile nei paesi in via di sviluppo non è sufficiente per raggiungere quest’obiettivo. Anche la Svizzera deve contribuire maggiormente a questo sforzo comune. Ecco perché nel 2007 è stata lanciata solidarit'eau suisse, l’iniziativa che - insieme alle aziende dell’acqua e ai comuni svizzeri – s’impegna per rendere possibili più progetti idrici nei paesi in via di sviluppo.